SOCIETÀ

Presentazione

Lago_Trasimeno

Triathlon Trasimeno A.S.D.

  • Il G.S. Triathlon Trasimeno viene costituito nel 1994, la denominazione fu scelta dai soci fondatori in quanto svolgevano normalmente i loro allenamenti proprio lungo il meraviglioso comprensorio del lago Trasimeno ed è in questo bacino lacustre che da subito prevederono anche di organizzare i primi eventi della disciplina pressochè allora sconosciuta. La sede sociale è a Perugia, nell’arco degli anni si è spostata per necessità di sponsorizzazione prima a Castiglione del Lago poi a Magione ritornando infine a Perugia.

  • Dalla sua prima affiliazione alla Federazione Italiana Triathlon si è impegnata nell’organizzazione di eventi sportivi dedicandosi principalmente al settore giovanile facendo nel 1995 il 1° Triathlon Umbria Ironkids a Sant’Arcangelo di Magione, andando man mano a crescere fino al 2003 quando la F.I.TRI ci ha assegnato l’organizzazione a Castiglione del Lago del Campionato Italiano Assoluto, Militare ed Under 23.

  • Infine dopo un decennio nel quale non è stato più possibile organizzare eventi per molteplici vicissitudini, la Tiathlon Trasimeno ha organizzato presso la piscina comunale Lacugnano di Perugia un Aquathlon ed un Aquathlon Kids, ma soprattutto ha creato la Scuola Triathlon Kids per ragazzi/e dagli 8 ai 16 anni.

Eventi – Gare organizzate

  • 1995
    Sant’Archangelo
    1° Umbria Ironkid
  • 1996
    Colle della Trinità
    1° Duathlon della Trinità
  • 1996
    Passignano
    1° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
    2° Umbria Ironkid

  • 1997
    Castiglione del Lago
    2° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
    3° Umbria Ironkid
  • 1998
    Castiglione del Lago
    3° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
    4° Umbria Ironkid
  • 1999
    Castiglione del Lago
    4° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
    5° Umbria Ironkid

  • 2000
    Castiglione del Lago
    1° Triathlon Olimpico Trasimeno Lake
    6° Umbria Ironkid
  • 2001
    Castiglione del Lago
    2° Triathlon Olimpico Trasimeno Lake
    7° Umbria Ironkid
  • 2002
    Castiglione del Lago
    3° Triathlon Olimpico Trasimeno Lake
    8° Umbria Ironkid

  • 2003
    Castiglione del Lago
    1° Triathlon Olimpico C.I. Assoluto
  • 2013
    Lacugnano
    1° Aquathlon promozionale e giovanile
  • 2015
    Perugia
    Campionati italiani giovani Duathlon individuale e a squadra

Duathlon_Kids_flyerDuathlon_Kidstriathlon_trasimenoaquathlon_flyer

Statuto

Associazione Sportiva Dilettantistica TRIATHLON TRASIMENO

Articolo 1 – Denominazione e Sede

E’ costituita in Perugia, in via Umberto Gnoli n.28, una Associazione Sportiva Dilettantistica, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile denominata “ Triathlon Trasimeno A.S.D.”


Articolo 2 – Scopo

  1. L’Associazione è apolitica e non ha scopo di lucro.

  2. Durante la vita dell’Associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale.

  3. Essa ha per finalità lo sviluppo e la diffusione di attività sportiva polivalente ed in modo particolare del Triathlon, Duathlon, Acquathlon, Winter Triathlon e di altri giochi sportivi acquatici e terrestri al coperto e su luoghi scoperti.

  4. Tutta l’attività sportiva promossa dall’Associazione è da intendersi come mezzo di formazione psico-fisica e morale dei soci, mediante la gestione di ogni forma di attività agonistica, ricreativa o di ogni altro tipo di attività motoria e non, idonea a promuovere la conoscenza e la pratica delle attività sportive promosse dall’Associazione.

  5. L’Associazione potrà organizzare: conferenze, convegni, scambi con Associazioni sportive e sociali nel territorio nazionale ed internazionale, meeting e campus sportivi atti a favorire il miglioramento delle attività sportive promosse.

  6. Per il migliore raggiungimento degli scopi sociali, l’Associazione potrà: affiliarsi a Federazioni e ad Enti di promozione sportiva riconosciuti e non dal CONI; potrà svolgere corsi di formazione per operatori e dirigenti autonomamente o in partecipazione con altre Associazioni sportive, Federazioni ed Enti seguendo specifici accordi e convenzioni.

  7. L’Associazione è altresì caratterizzata dalla democraticità della struttura, dell’elettività e gratuità delle cariche associative e delle prestazioni fornite dagli associati e dall’obligatorietà del bilancio, si deve avvalere prevalentemente di prestazioni volontarie, personali e gratuite dei propri aderenti e non può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo se non per assicurare il regolare funzionamento delle strutture o qualificare e specializzare le sue attivita.

  8. L’Associazione accetta incodizionatamente di conformarsi alle norme e alle direttive imposte dalla legge, dal CONI e a tutte le disposizioni statutarie delle Federazioni sportive e degli Enti di mpromozione sportiva a cui si affilierà e si impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi competenti dovessero adottare a suo carico.

  9. L’Associazione si impegna a garantire lo svolgimento delle assemblee dei propri atleti tesserati e tecnici al fine di nominare il loro rappresentante con diritto al voto nelle assemblee federali.

Articolo 3 – Durata

La durata dell’Associazione è illimitata e la stessa potrà essere sciolta solo con delibera dell’Assemblea Straordinaria degli Associati.


Articolo 4 – Domanda di ammissione Soci

  1. Sono soci tutti coloro che partecipano alle attività sociali, previa iscrizione alla stessa.

  2. Possono far parte dell’Associazione, in qualità di soci solo le persone fisiche che ne facciano richiesta e che siano dotati di una irreprensibile condotta morale, civile e sportiva.

  3. La validità della qualità di socio conseguita all’atto di presentazione della domanda di ammissione è subordinata all’accoglimento della domanda stessa da parte del Consiglio Direttivo il cui giudizio deve essere sempre motivato e contro la cui decisione è ammesso appello all’Assemblea Generale.

  4. In caso di domande di ammissione a socio presentate da minorenni le stesse dovranno essere controfirmate dall’esercente la potestà dei genitori.

  5. La quota associativa non può essere trasferita a terzi o rivalutata.


Articolo 5 – Diritti dei Soci

  1. Tutti i soci godono al momento dell’ammissione del diritto di partecipazione nelle Assemblee sociali nonché dell’elettorato attivo e passivo.

  2. La qualifica di socio da diritto a frequentare le iniziative indette da Consiglio Direttivo, secondo le modalità stabilite nell’apposito regolamento.


Articolo 6 – Decadenza dei Soci

I Soci cessano di appartenere all’Associazione nei seguenti casi:

  1. dimissione volontaria;

  2. morosità protattasi per oltre due mesi dalla scadenza del versamento richiesto della quota associativa;

  3. radiazione deliberata dalla maggioranza assoluta dei componenti il C.D. pronunciata contro il Socio che commette azioni ritenute disonorevoli entro e fuori dell’Associazione o che con la sua condotta costituisce ostacolo al buon andamento del sodalizio, il radiamento deve essere ratificato dall’Assemblea ordinaria, nella quale si procederà al contraddittorio con l’interessato. L’associato radiato non può essere più ammesso.


Articolo 7 – Organi

Gli Organi sociali sono:

  • L’Assemblea generale dei soci
  • Il Presidente
  • Il Consiglio Direttivo


Articolo 8 – Assemblea

L’Assemblea generale dei soci è il massimo organo dell’Associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie. Quando è regolarmente convocata e costituita rappresenta l’universalità degli Associati e le deliberazioni da essa legittimamente adottate obbligano tutti gli Associati anche se non intervenuti, fatto salvo il diritto di impugnazione previsto. La convocazione dell’Assemblea deve essere effettuata dal C.D. Almeno una volta l’anno per l’approvazione del bilancio. L’Assemblea deve inoltre essere convocata dal C.D. Quando se ne ravvisa la necessità o quando è richiesta da almeno un decimo degli Associati.


Articolo 9 – Diritti di partecipazione

Potranno prendere parte alle Assemblee ordinarie e straordinarie i soli Soci in regola con il versamento della quota annua. Ogni Socio può rappresentare in Assemblea per mezzo di delega scitta non più di un associato.


Articolo 10 – Compiti dell’Assemblea- Deliberazioni

Spetta all’Assemblea deliberare sugli indirizzi e sulle direttive generali dell’Associazione.
Le deliberazioni dell’Asseblea sono prese a maggioranza di voti con la presenza di almeno la metà degli Associati.
In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio o che riguardino la loro responsabilità i membri del C.D. Non hanno voto. Per modificare l’atto costitutivo e lo Statuto occorre la presenza di almeno tre quarti degli Associati e il voto favorevole della maggioranza dei presenti.


Articolo 11 – Convocazione – Procedure Assembleari

La convocazione dell’Assemblea ordinaria avverrà minimo otto giorni prima dello solgimento, devono essere indicati il giorno il luogo l’ora e l’elenco delle materie da trattare.
L’Assemblea Straordinaria deve essere convocata dal C.D. Con lettera raccomadata
spedita almeno 15 giorni prima dell’adunanza.

Le Assemblee sono presiedute dal Presidente del C.D. , in caso di sua assenza da una delle persone legittimamente intervenute All’Assemblea e designata dalla maggioranza dei presenti. L’Assemblea nomina un segretario, il Presidente dirige e regola le discussioni e stabilisce le modalità delle votazioni.
Di ogni assmblea si dovrà redigere apposito verbale firmato dal Presidente della stessa e dal segretario, copia della stessa deve esser messa a disposizione di tutti gli associati con le forme ritenute più opportune.


Articolo 12 – Consiglio Direttivo

Il C.D. È l’organo amministrativo dell’Associazione, è composto da almeno quattro membri eletti dall’Assemblea. Il C.D. Rimane in carica 5 anni e i suoi componenti sono rieleggibili, tutti gli incarichi si intendono a titolo gratuito.

Le deliberazioni del C.D. Sono prese a maggioranza in caso di parità il voto del Presidente vale il doppio.
Possono ricoprire cariche sociali i Soci in regola con il pagamento delle quote associative e non ricoprano cariche sociali in altre Società sportive dilettantistiche nell’amito della setssa disciplina sportiva, non abbiano condanne passate in giudicato e non siano assoggettati da paerte del CONI o da una qualsiasi Federazione Sportiva Nazionale a squalifiche o sospensioni per periodi complessivamente non superiori ad un anno.


Articolo 13 – Dimissioni

Nel caso per qualsiasi ragione durante il corso d’esercizio venissero a mancare uno o più consiglieri, i rimanenti provvederanno alla convocazione dell’Assemblea dei Soci per surrogare i mancanti che resteranno in carica fino alla scadenza dei consiglieri sostituiti. Il C.D. Dovrà considerarsi sciolto qualora per dimissioni o altra causa venga a perdere la maggioranza dei suoi componenti.


Articolo 14 – Convocazione del C.D.

Il C.D. Si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario oppure se ne sia fatta richiesta da almeno due consiglieri senza formalità.


Articolo 15 – Compiti del C.D.

Sono compiti del Consiglio Direttivo:

  • deliberare sulle domade di ammissione dei Soci
  • deliberare su argomenti di carattere economico e finanziario
  • redigere il bilancio preventivo e quello consuntivo da sottoporre all’Assemblea
  • fissare le date delle Assemblee ordinarie e convocare l’Assemble straordinaria qualora lo reputi necessario o venga chiesto dai soci
  • redige gli eventuali regolamenti interni relativi all’attività sociale da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea degli associati
  • adotta i provvedimenti di radiazione verso i soci qualora si rendano necessari
  • attuare le finalità previste dallo Statuto e l’attuazione delle decisioni dell’Assemblea dei Soci.

  • Articolo 16 – Il Presidente

    Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’Associazione


    Articolo 17 – Il Vice Presidente o Dirigente responsabile

    In caso di assenza o impedimenton temporaneo del Presidente le sue funzioni vengono svolte dal Vicepresidente o Dirigente Responsabile.


    Articolo 18 – Il Segretario

    Il Segretario dà esecuzione alle deliberazioni del Presidente e del C.D. Redige i verbali delle riunioni attende alla corrispondenza si incarica della tenuta dei libri contabili, della riscossione dei pagamenti da efftuare previo mandato del C.D.


    Articolo 19 – Il Rendiconto

    Il C.D. Redige il rendiconto economico e finanziario dell’Associazione sia preventivo che consuntivo da sottoporre all’approvazione assembleare.
    Il rendiconto deve esser redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale dell’Associazione.

    Articolo 20 – Anno Sociale

    L’esercizio sociale ha inizio il 1 gennaio e termina il 31 dicembre successivo.


    Articolo 21 – Patrimonio

    I mezzi finanziari sono costituiti dalle quote associative determinate annualmente dal Consiglio Direttivo, da eventuali contributi di privati o enti, da proventi derivanti da eventuali attività organizzate dall’Associazione.


    Articolo 22 – Libri Sociali

    Costituiscono libri sociali obbligatori dell’Associazione

    • Il libro soci,
    • Il libro verbali delle Assemblee
    • il libro verbali del C.D.

    I libri sociali devono essere conservati nella sede sociale.


    Articolo 23 – Clausola Compromissoria

    Le controversie derivanti dall’attività sportiva nascenti tra l’Associazione e i soci saranno devolute alla competenza esclusiva di un collegio arbitrale costituito ai sensi degli statuti delle Federazioni sportive a cui l’Associazione è affiliata.
    Il ricorso alla Magistratura Ordinaria deve essere previamente autorizzato dal C.F. Della Federazione Sportiva.


    Articolo 24 – Scioglimento

    Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea generale dei soci , convocata in seduta straordinaria con l’approvazione di almeno ¾ dei soci


    Articolo 25 – Norma Generale

    Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto si applicano le norme di legge, le norme e le direttive del CONI nonché le disposizioni vigenti contenute nello Statuto e nei Regolamenti delle Federazioni Sportive a cui l’Associazione è affiliata.


    Abbigliamento

    body_sportswear_trasimeno
    Tshirt_sportswear_trasimeno
    shorts_sportswear_trasimeno
    cycle_shirt_sportswear_trasimeno
    Tshirt_sportswear_trasimeno
    logo_Triathlon_trasimeno_2015

    Lago_Trasimeno

    Triathlon Trasimeno A.S.D.

    • Il G.S. Triathlon Trasimeno viene costituito nel 1994, la denominazione fu scelta dai soci fondatori in quanto svolgevano normalmente i loro allenamenti proprio lungo il meraviglioso comprensorio del lago Trasimeno ed è in questo bacino lacustre che da subito prevederono anche di organizzare i primi eventi della disciplina pressochè allora sconosciuta. La sede sociale è a Perugia, nell’arco degli anni si è spostata per necessità di sponsorizzazione prima a Castiglione del Lago poi a Magione ritornando infine a Perugia.

    • Dalla sua prima affiliazione alla Federazione Italiana Triathlon si è impegnata nell’organizzazione di eventi sportivi dedicandosi principalmente al settore giovanile facendo nel 1995 il 1° Triathlon Umbria Ironkids a Sant’Arcangelo di Magione, andando man mano a crescere fino al 2003 quando la F.I.TRI ci ha assegnato l’organizzazione a Castiglione del Lago del Campionato Italiano Assoluto, Militare ed Under 23.

    • Infine dopo un decennio nel quale non è stato più possibile organizzare eventi per molteplici vicissitudini, la Tiathlon Trasimeno ha organizzato presso la piscina comunale Lacugnano di Perugia un Aquathlon ed un Aquathlon Kids, ma soprattutto ha creato la Scuola Triathlon Kids per ragazzi/e dagli 8 ai 16 anni.

    Gare organizzate

    • 1995
      Sant’Archangelo
      1° Umbria Ironkid
    • 1996
      Colle della Trinità
      1° Duathlon della Trinità
    • 1996
      Passignano
      1° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
      2° Umbria Ironkid

    • 1997
      Castiglione del Lago
      2° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
      3° Umbria Ironkid
    • 1998
      Castiglione del Lago
      3° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
      4° Umbria Ironkid
    • 1999
      Castiglione del Lago
      4° Triathlon Sprint Trasimeno Lake
      5° Umbria Ironkid

    • 2000
      Castiglione del Lago
      1° Triathlon Olimpico Trasimeno Lake
      6° Umbria Ironkid
    • 2001
      Castiglione del Lago
      2° Triathlon Olimpico Trasimeno Lake
      7° Umbria Ironkid
    • 2002
      Castiglione del Lago
      3° Triathlon Olimpico Trasimeno Lake
      8° Umbria Ironkid

    • 2003
      Castiglione del Lago
      1° Triathlon Olimpico C.I. Assoluto
    • 2013
      Lacugnano
      1° Aquathlon promozionale e giovanile

    Duathlon_Kids_flyerDuathlon_KidsDuathlon_Kids_flyer

    Associazione Sportiva Dilettantistica TRIATHLON TRASIMENO

    Articolo 1 – Denominazione e Sede

    E’ costituita in Perugia, in via Umberto Gnoli n. 28, una Associazione Sportiva Dilettantistica, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del Codice Civile denominata “ Triathlon Trasimeno A.S.D.”


    Articolo 2 – Scopo

    1. L’Associazione è apolitica e non ha scopo di lucro.

    2. Durante la vita dell’Associazione non potranno essere distribuiti, anche in modo indiretto avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale.

    3. Essa ha per finalità lo sviluppo e la diffusione di attività sportiva polivalente ed in modo particolare del Triathlon, Duathlon, Acquathlon, Winter Triathlon e di altri giochi sportivi acquatici e terrestri al coperto e su luoghi scoperti.

    4. Tutta l’attività sportiva promossa dall’Associazione è da intendersi come mezzo di formazione psico-fisica e morale dei soci, mediante la gestione di ogni forma di attività agonistica, ricreativa o di ogni altro tipo di attività motoria e non, idonea a promuovere la conoscenza e la pratica delle attività sportive promosse dall’Associazione.

    5. L’Associazione potrà organizzare: conferenze, convegni, scambi con Associazioni sportive e sociali nel territorio nazionale ed internazionale, meeting e campus sportivi atti a favorire il miglioramento delle attività sportive promosse.

    6. Per il migliore raggiungimento degli scopi sociali, l’Associazione potrà: affiliarsi a Federazioni e ad Enti di promozione sportiva riconosciuti e non dal CONI; potrà svolgere corsi di formazione per operatori e dirigenti autonomamente o in partecipazione con altre Associazioni sportive, Federazioni ed Enti seguendo specifici accordi e convenzioni.

    7. L’Associazione è altresì caratterizzata dalla democraticità della struttura, dell’elettività e gratuità delle cariche associative e delle prestazioni fornite dagli associati e dall’obligatorietà del bilancio, si deve avvalere prevalentemente di prestazioni volontarie, personali e gratuite dei propri aderenti e non può assumere lavoratori dipendenti o avvalersi di prestazioni di lavoro autonomo se non per assicurare il regolare funzionamento delle strutture o qualificare e specializzare le sue attivita.

    8. L’Associazione accetta incodizionatamente di conformarsi alle norme e alle direttive imposte dalla legge, dal CONI e a tutte le disposizioni statutarie delle Federazioni sportive e degli Enti di mpromozione sportiva a cui si affilierà e si impegna ad accettare eventuali provvedimenti disciplinari che gli organi competenti dovessero adottare a suo carico.

    9. L’Associazione si impegna a garantire lo svolgimento delle assemblee dei propri atleti tesserati e tecnici al fine di nominare il loro rappresentante con diritto al voto nelle assemblee federali.

    Articolo 3 – Durata

    La durata dell’Associazione è illimitata e la stessa potrà essere sciolta solo con delibera dell’Assemblea Straordinaria degli Associati.


    Articolo 4 – Domanda di ammissione Soci

    1. Sono soci tutti coloro che partecipano alle attività sociali, previa iscrizione alla stessa.

    2. Possono far parte dell’Associazione, in qualità di soci solo le persone fisiche che ne facciano richiesta e che siano dotati di una irreprensibile condotta morale, civile e sportiva.

    3. La validità della qualità di socio conseguita all’atto di presentazione della domanda di ammissione è subordinata all’accoglimento della domanda stessa da parte del Consiglio Direttivo il cui giudizio deve essere sempre motivato e contro la cui decisione è ammesso appello all’Assemblea Generale.

    4. In caso di domande di ammissione a socio presentate da minorenni le stesse dovranno essere controfirmate dall’esercente la potestà dei genitori.

    5. La quota associativa non può essere trasferita a terzi o rivalutata.


    Articolo 5 – Diritti dei Soci

    1. Tutti i soci godono al momento dell’ammissione del diritto di partecipazione nelle Assemblee sociali nonché dell’elettorato attivo e passivo.

    2. La qualifica di socio da diritto a frequentare le iniziative indette da Consiglio Direttivo, secondo le modalità stabilite nell’apposito regolamento.


    Articolo 6 – Decadenza dei Soci

    I Soci cessano di appartenere all’Associazione nei seguenti casi:

    1. dimissione volontaria;

    2. morosità protattasi per oltre due mesi dalla scadenza del versamento richiesto della quota associativa;

    3. radiazione deliberata dalla maggioranza assoluta dei componenti il C.D. pronunciata contro il Socio che commette azioni ritenute disonorevoli entro e fuori dell’Associazione o che con la sua condotta costituisce ostacolo al buon andamento del sodalizio, il radiamento deve essere ratificato dall’Assemblea ordinaria, nella quale si procederà al contraddittorio con l’interessato. L’associato radiato non può essere più ammesso.


    Articolo 7 – Organi

    Gli Organi sociali sono:

    • L’Assemblea generale dei soci
    • Il Presidente
    • Il Consiglio Direttivo


    Articolo 8 – Assemblea

    L’Assemblea generale dei soci è il massimo organo dell’Associazione ed è convocata in sessioni ordinarie e straordinarie. Quando è regolarmente convocata e costituita rappresenta l’universalità degli Associati e le deliberazioni da essa legittimamente adottate obbligano tutti gli Associati anche se non intervenuti, fatto salvo il diritto di impugnazione previsto. La convocazione dell’Assemblea deve essere effettuata dal C.D. Almeno una volta l’anno per l’approvazione del bilancio. L’Assemblea deve inoltre essere convocata dal C.D. Quando se ne ravvisa la necessità o quando è richiesta da almeno un decimo degli Associati.


    Articolo 9 – Diritti di partecipazione

    Potranno prendere parte alle Assemblee ordinarie e straordinarie i soli Soci in regola con il versamento della quota annua. Ogni Socio può rappresentare in Assemblea per mezzo di delega scitta non più di un associato.


    Articolo 10 – Compiti dell’Assemblea- Deliberazioni

    Spetta all’Assemblea deliberare sugli indirizzi e sulle direttive generali dell’Associazione.
    Le deliberazioni dell’Asseblea sono prese a maggioranza di voti con la presenza di almeno la metà degli Associati.
    In seconda convocazione la deliberazione è valida qualunque sia il numero degli intervenuti. Nelle deliberazioni di approvazione del bilancio o che riguardino la loro responsabilità i membri del C.D. Non hanno voto. Per modificare l’atto costitutivo e lo Statuto occorre la presenza di almeno tre quarti degli Associati e il voto favorevole della maggioranza dei presenti.


    Articolo 11 – Convocazione – Procedure Assembleari

    La convocazione dell’Assemblea ordinaria avverrà minimo otto giorni prima dello solgimento, devono essere indicati il giorno il luogo l’ora e l’elenco delle materie da trattare.
    L’Assemblea Straordinaria deve essere convocata dal C.D. Con lettera raccomadata
    spedita almeno 15 giorni prima dell’adunanza.

    Le Assemblee sono presiedute dal Presidente del C.D. , in caso di sua assenza da una delle persone legittimamente intervenute All’Assemblea e designata dalla maggioranza dei presenti. L’Assemblea nomina un segretario, il Presidente dirige e regola le discussioni e stabilisce le modalità delle votazioni.
    Di ogni assmblea si dovrà redigere apposito verbale firmato dal Presidente della stessa e dal segretario, copia della stessa deve esser messa a disposizione di tutti gli associati con le forme ritenute più opportune.


    Articolo 12 – Consiglio Direttivo

    Il C.D. È l’organo amministrativo dell’Associazione, è composto da almeno quattro membri eletti dall’Assemblea. Il C.D. Rimane in carica 5 anni e i suoi componenti sono rieleggibili, tutti gli incarichi si intendono a titolo gratuito.

    Le deliberazioni del C.D. Sono prese a maggioranza in caso di parità il voto del Presidente vale il doppio.
    Possono ricoprire cariche sociali i Soci in regola con il pagamento delle quote associative e non ricoprano cariche sociali in altre Società sportive dilettantistiche nell’amito della setssa disciplina sportiva, non abbiano condanne passate in giudicato e non siano assoggettati da paerte del CONI o da una qualsiasi Federazione Sportiva Nazionale a squalifiche o sospensioni per periodi complessivamente non superiori ad un anno.


    Articolo 13 – Dimissioni

    Nel caso per qualsiasi ragione durante il corso d’esercizio venissero a mancare uno o più consiglieri , i rimanenti provvederanno alla convocazione dell’Assemblea dei Soci per surrogare i mancanti che resteranno in carica fino alla scadenza dei consiglieri sostituiti. Il C.D. Dovrà considerarsi sciolto qualora per dimissioni o altra causa venga a perdere la maggioranza dei suoi componenti.


    Articolo 14 – Convocazione del C.D.

    Il C.D. Si riunisce ogni qualvolta il Presidente lo ritenga necessario oppure se ne sia fatta richiesta da almeno due consiglieri senza formalità.


    Articolo 15 – Compiti del C.D.

    Sono compiti del Consiglio Direttivo:

    • deliberare sulle domade di ammissione dei Soci
    • deliberare su argomenti di carattere economico e finanziario
    • redigere il bilancio preventivo e quello consuntivo da sottoporre all’Assemblea
    • fissare le date delle Assemblee ordinarie e convocare l’Assemble straordinaria qualora lo reputi necessario o venga chiesto dai soci
    • redige gli eventuali regolamenti interni relativi all’attività sociale da sottoporre all’approvazione dell’Assemblea degli associati
    • adotta i provvedimenti di radiazione verso i soci qualora si rendano necessari
    • attuare le finalità previste dallo Statuto e l’attuazione delle decisioni dell’Assemblea dei Soci.

    • Articolo 16 – Il Presidente

      Il Presidente ha la legale rappresentanza dell’Associazione


      Articolo 17 – Il Vice Presidente o Dirigente responsabile

      In caso di assenza o impedimenton temporaneo del Presidente le sue funzioni vengono svolte dal Vicepresidente o Dirigente Responsabile.


      Articolo 18 – Il Segretario

      Il Segretario dà esecuzione alle deliberazioni del Presidente e del C.D. Redige i verbali delle riunioni attende alla corrispondenza si incarica della tenuta dei libri contabili, della riscossione dei pagamenti da efftuare previo mandato del C.D.


      Articolo 19 – Il Rendiconto

      Il C.D. Redige il rendiconto economico e finanziario dell’Associazione sia preventivo che consuntivo da sottoporre all’approvazione assembleare.
      Il rendiconto deve esser redatto con chiarezza e deve rappresentare in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale dell’Associazione.

      Articolo 20 – Anno Sociale

      L’esercizio sociale ha inizio il 1 gennaio e termina il 31 dicembre successivo.


      Articolo 21 – Patrimonio

      I mezzi finanziari sono costituiti dalle quote associative determinate annualmente dal Consiglio Direttivo, da eventuali contributi di privati o enti, da proventi derivanti da eventuali attività organizzate dall’Associazione.


      Articolo 22 – Libri Sociali

      Costituiscono libri sociali obbligatori dell’Associazione

      • Il libro soci,
      • Il libro verbali delle Assemblee
      • il libro verbali del C.D.

      I libri sociali devono essere conservati nella sede sociale.


      Articolo 23 – Clausola Compromissoria

      Le controversie derivanti dall’attività sportiva nascenti tra l’Associazione e i soci saranno devolute alla competenza esclusiva di un collegio arbitrale costituito ai sensi degli statuti delle Federazioni sportive a cui l’Associazione è affiliata.
      Il ricorso alla Magistratura Ordinaria deve essere previamente autorizzato dal C.F. Della Federazione Sportiva.


      Articolo 24 – Scioglimento

      Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’Assemblea generale dei soci , convocata in seduta straordinaria con l’approvazione di almeno ¾ dei soci


      Articolo 25 – Norma Generale

      Per quanto non espressamente previsto dal presente Statuto si applicano le norme di legge, le norme e le direttive del CONI nonché le disposizioni vigenti contenute nello Statuto e nei Regolamenti delle Federazioni Sportive a cui l’Associazione è affiliata.